Chi Siamo


compagnia senza teatro slide 1 (2)La Compagnia SenzaTeatro nasce a Ferrandina nel 2001per iniziativa di alcune persone appassionate di Teatro , associazione senza fini di lucro con sede legale a Ferrandina.
L’associazione è formata da un gruppo di persone con esperienze passate nel campo teatrale legate a rappresentazioni Teatrali di commedie in vernacolo Ferrandinese dell’autore poliglotta Domenico Bellocchio. Tra i fini della Compagnia sicuramente quello più importante è la divulgazione e la produzione delle arti dello spettacolo, principalmente quelle teatrali. Attraverso: la produzione, l’organizzazione e la formazione.
Il repertorio di questi anni, passa dal teatro classico Napoletano a quello dall’humor Inglese, ha fatto rappresentazioni teatrali, portando in scena:
– E fuori nevica di Vincenzo Salemme;
– Barberia Cugini Lombardo di G.Di Lucca- D.Di Prima- F.Evangelista;
– A che cosa servono questi quattrini? di Armando Curcio;
– La fortuna con l’effe maiuscola di E.De Filippo e A. Curcio;
– Non Ti Pago di Eduardo De Filippo;
– Questi Fantasmi di Eduardo De Filippo
– Ditegli sempre di si! di Eduardo De Filippo;
– Maria Barbella “dal braccio della morte alla vita” di D.Di Prima, F.Evangelista, A.Nubile;
– Toccata e fuga di Derek Benfield;
– Casa di Frontiera di Gianfelice Imparato;
– Lo strano sogno di Ferragosto di M. Rutigliano, teatro di narrazione;
– Che sono le stelle del cielo ? corto Teatrale di Davide Di Prima;
– Menaechmi “Due Gemelli Lucani” di Tito Maccio Plauto;
– L’Ulivo canta per me di Maria Adele Popolo;
– Sik Sik l’artefice magico di Eduardo De Filippo

Ha partecipato a rassegne Nazionali ed Internazionali ricevendo numerosi attestati di merito per gli spettacoli prodotti. Con essi, la Compagnia, ha fatto “conoscere “ il suo modo di fare teatro, un teatro soprattutto strumento di formazione umana che pone al centro la “dignità e la persona” aiutandola a realizzarsi come individuo e come soggetto sociale. In particolare è proprio nella dimensione emotiva, con tutto il suo complesso percorso di sviluppo che intrecciamo la percezione di sé e la relazione con l’altro, sia nello spazio privato che nello spazio sociale, un teatro come possibile esperienza preziosa per la crescita e la formazione permanente della persona.
Per fare questo,fondamentali per la Compagnia, sono stati gli “incontri di formazione e di pratica teatrale”, incontrando artisti come : Fabio Comana sulla “visione del clown”, Eugenio Allegri sulla “commedia dell’arte”, Eugenio Barba e Julia Varley sul teatro povero, Donato Santeramo sul Malincomico,Francesco Facciolli sulla commedia dell’arte, Antonio Caponigro “Corpo, spazio, testo, voce”, Donato Nubile sul movimento scenico, Nataliia Florenskaia sullo studio del personaggio metodo Stanilsavskij, Claudio Paternò sulla biomeccanica teatrale metodo Mejerchol’d, Valentino Villa su “Voce Naturale” metodo Linklater, punti fondamentali di un percorso di formazione oramai decennale.
Altro passo fondamentale per noi è lo sguardo che abbiamo aperto al sociale, numerosi, infatti sono stati, gli spettacoli di Beneficenza: per la Lega contro i Tumori di Matera, per Gli Amici del Cuore di Matera, per l’Associazione DUMBO di Matera, per Azione Verde Opera Don Bonifacio di Matera. per A.D.M.O (associazione donatori midollo osseo). Abbiamo sostenuto l’iniziativa dell’ A.C.I.I.L (Associazione Ciechi Ipovedenti Invalidi Lucani) per l’acquisto di un mezzo di trasporto per i non vedenti ed i diversamente abili.
Le collaborazioni Rotary Heraclea centenario di Policoro e con l’associazione Maisha Safi di Matera. I laboratorio sul clown per la comunità di recupero Emmanuel di Salandra o per l’associazione Pensiero attivo di Ferrandina.“ Cosa mangia un clown”.
Numerosi i riconoscimenti a livello Nazionale, tra i festival vinti: (Allerona, Salerno, Sala Consilina, Ponte nelle Alpi, Santeramo in Colle, Città di Montecarlo, Citerna, Casarano, Matera).
Da alcuni anni, il nostro impegno si è focalizzato sul teatro educativo, convinti come siamo che “Attraverso il gioco nel teatro si rielabora il vissuto personale e collettivo per portare il soggetto ad un momento particolare della sua fase evolutiva, o del suo percorso di identità”.
Quando si gioca si sta su una soglia. Pronti a tornare indietro se necessario o varcarla definitivamente.
Nel 2012 febbraio-giugno tiene il laboratorio di teatro educativo diretto a ragazzi tra gli 8-e 11 anni “Nella bocca dell’immaginazione”
Nel 2013 febbraio – giugno tiene il 2° laboratorio di teatro educativo “il personaggio misterioso” diretto a ragazzi 9-12 anni.
Nel 2014 – febbraio – Maggio tiene il 3° laboratorio di teatro educativo “Nella terra dei Papalagi” diretto a ragazzi dai 12 ai 16 anni.
Nel 2015 – Febbraio – Maggio, tiene il 4° laboratorio di teatro educativo “MAI+XSI” diretto a ragazzi dai 13-14 anni.

La Compagnia è affiliata alla U.I.L.T (Unione Italiana Libero Teatro) ed è stata una delle Compagnia fondatrici della UILT Basilicata nel 2010.

Hanno scritto di noi in questi anni le seguenti testate giornalistiche:
Il Manifesto, Il Quotidiano di Basilicata, La Nuova di Basilicata, La Gazzetta del Mezzogiorno, Messaggero Veneto, Piccolo di Trieste, Notiziario Cupola Verde, Il Resto di Matera, Pazzitatà di Napoli, Logos di Matera, Nella nostra comunità di Bari, Corriere Canadese, Agipress Firenze, Corriere dell’Umbria.